Categorie
News

“5 è il numero perfetto”. Un film attesissimo al dettaglio che si spinge ‘oltre’ la storia e riserva tante gradite sorprese.

Peppino Lo Cicero è un sicario di seconda classe della camorra in pensione, costretto a tornare in azione dopo l’omicidio di suo figlio. Questo avvenimento tragico innesca una serie di azioni e reazioni violente ma è anche la scintilla per cominciare una nuova vita.

Gli appassionati di graphic novel di qualità non hanno bisogno di particolari presentazioni di Igort, maestro riconosciuto a livello internazionale.

Coloro che non frequentano questa forma d’arte hanno ora la possibilità di conoscerlo e forse potranno apprezzarne le qualità di regista con quella libertà di valutazione che ci si può consentire quando, nel passaggio da una forma di espressione ad un’altra, non si conosce il modello. Perché questo film nasce dal volume omonimo pubblicato nel 2002. Chi lo ha concepito sulla carta ora lo ha diretto per il grande schermo.

In questi casi il lavoro del casting è più che mai fondamentale perché i personaggi hanno già ricevuto una caratterizzazione sulla pagina che ha lasciato un’impronta ben precisa nell’immaginario di chi ha letto e apprezzato. Sia per loro che per chi giunge iconicamente vergine dinanzi a questa storia va detto che tutti i personaggi hanno trovato l’attore giusto che ha offerto loro carne, sangue e voce. A partire da Toni Servillo che aderisce con grande partecipazione alle azioni e ai pensieri di un uomo che vede la propria attività di killer come un lavoro faticoso che ha una propria (distorta) morale.

Lui, Buccirosso, Golino e tutti gli altri fino ai ruoli minori sanno offrire caratterizzazioni da cinema anni ’70 innervate da uno sguardo, quello di Igort, che sa come andare ‘oltre’ la storia riuscendo a far diventare protagonisti gli spazi e gli edifici in ogni inquadratura.

IGORT APPRODA AL CINEMA CON UN TONI SERVILLO VERSIONE KILLER IN IMPERMEABILE.

Ci ha messo 13 anni e 10 stesure per adattare su grande schermo il suo graphic novel, Igor Tuveri. Il film 5 è il numero perfetto, previsto in uscita per i primi di settembre, è ambientato negli anni Settanta in una Napoli notturna e nebulosa, deserta, volutamente lontana da quella “livida e frontale alla Gomorra“, racconta il regista al Comicon. “La mia idea era di grande stilizzazione: anche le sparatorie del film sono coreografate”. 

Protagonista è Peppino Lo Cicero, interpretato da Toni Servillo, questa volta nei panni di un guappo in pensione costretto dagli eventi a tornare in azione con tanto di impermeabile “che fa il verso direttamente a Bogart di Casablanca”.

C’è da scegliere l’arma giusta, così Peppino si reca dal Gobbo – new entry non presente nel graphic novel – un personaggio apparentemente miserabile capace però di trovargli in poco tempo la pistola perfetta per farlo tornare in pista.

Il regista descrive i suoi protagonisti, dopo aver poco elegantemente sintetizzato la storia così: “Due cavalli che galoppano. La trama non mi interessa affatto”. I due ‘cavalli’ in questione sarebbero in sostanza Peppino Lo Cicero e Toto Macellaro: “Due gangster di periferia, due gregari, due killer del ca**o che andavano a uccidere, ma non sono mai stati e mai saranno due capi. Ecco, questo loro non farcela fa molto Europa, loro non sanno se ce la faranno. Ce n’è uno, Peppino Lo Cicero, che cerca vendetta perché gli hanno ammazzato il figlio, e l’altro che lo deve affiancare perché è il suo vecchio compare di missioni per la Camorra e si ritrova in mezzo”. 

– Giancarlo Zappoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *