Categorie
News

Marina Marzotto confermata alla presidenza Agici

Martedì 15 ottobre a Roma, l’Assemblea Nazionale dei Soci AGICI ha rinnovato la fiducia a Marina Marzotto (Propaganda Italia) come Presidente AGICI – Associazione Generale Industrie Cine-Audiovisive Indipendenti.

Il Consigli Direttivo che coadiuverà il Presidente Marzotto risulta così composto:

– Nadia Trevisan (Nefertiti Film) Vice Presidente AGICI

– Simone Gandolfo (Macaia Film)

– Marzia dal Fabbro (Sound Art 23)

– Alessandro Riccardi (Vargat Film)

– Giuseppe Squillaci (Galactus Studio)

– Federico Minetti (Effendemfilm)

– Mario D’Andrea (MDL Creations)

Confermato Alessandro Costantini Segretario Generale AGICI.

Sono state inoltre rinnovate le cariche per il Collegio Territoriale:

Federico Massa (Avilab) Referente Area Triveneto AGICI [Trentino Alto Adige, Veneto, Friuli Venezia Giulia]

Claudia Di Lascia (Kinedimorae) Referente Area Nord Ovest AGICI [Lombardia, Piemonte, Val D’Aosta e Liguria]

Maria Martinelli (Kamera Film) Referente Area Centro Nord AGICI [Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche]

Fabrizio Nucci (Open Fields Productions) Referente Area Sud Est AGICI [Puglia, Basilicata, Calabria]

Massimo Casula (Zena Film) Referente Area Sud Ovest e Isole AGICI [Campania, Sardegna e Sicilia]

– Roberto Borghi

Categorie
News

“La Macchinazione”, perché Pasolini fa ancora paura

Dobbiamo ringraziare gli autori del vile oltraggio vandalico che ha danneggiato la stele commemorativa di Pier Paolo Pasolini, eretta nel luogo dove fu massacrato la notte tra l’1 e il 2 Novembre 1975. Dobbiamo farlo perché, nella loro consueta eleganza, hanno tributato il più alto omaggio al Poeta e Maestro (lui fu questo): dimostrare che 40 anni dopo, fa ancora paura. Il gesto è probabilmente una risposta a La Macchinazione, il film di David Grieco (amico e collaboratore di Pasolini), che ricostruisce, in maniera purtroppo plausibile, la verità di quella tragica notte. Un film da vedere e rivedere, realizzato in tempi brevissimi, con un budget limitato, ma che trabocca passione, rispetto, ricerca della verità.

Certo, i critici snob col dito sempre puntato, potrebbero sottolineare alcuni difetti dell’opera: Massimo Ranieri è tanto impressionante nella somiglianza (come seppe riconoscere lo stesso Pasolini) e impeccabile nella mimesi, quanto straniante nel suo lieve accento napoletano; Matteo Taranto è bravissimo nello sfoderare una vasta gamma espressiva tra l’aspirante gangster e il disperato di periferia, ma il suo romanesco ricorda quello del Rugantino di Celentano; la scena in cui Pasolini ha la visione dell’attuale Matrix contemporanea è maldestra. Tutto vero. Ma consentitemi: chi se ne importa. A differenza del precedente di Abel Ferrara (che mostra una visione laccata e pruriginosa dell’autore friulano), La Macchinazione è una testimonianza straordinaria perché, secondo la lezione di Pasolini, usa il cinema per ricostruire una verità nascosta da 40 anni. Come il suo amico e maestro scrisse in un celebre articolo sul Corriere della Sera (forse, la sua condanna a morte), Grieco sa come è andata quella sera, ma non ha le prove. E nel film (e ancor più nell’omonimo libro pubblicato da Rizzoli), proprio come scrisse Pasolini, svolge il vero ruolo dell’intellettuale che “coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l’arbitrarietà, la follia e il mistero”. Il film ricostruisce 40 anni di prove evidenti ma ignorate, di testimonianze cruciali ma inascoltate, di evidenti legami mai approfonditi dagli inquirenti. Una mole imponente di indizi seppellita sotto l’epitaffio qualunquista: “Era un frocio che se l’è cercata”. La versione ufficiale, secondo cui Pino Pelosi avrebbe ucciso Pasolini investendolo per sbaglio con la sua macchina dopo averlo picchiato in reazione a un tentato stupro, è semplicemente ridicola. La tesi di Grieco è che quella sera c’erano due macchine e almeno sei persone a uccidere il poeta: Pelosi fu un’esca per un’imboscata. Pasolini sapeva troppo. Complottismo?

Potremmo toglierci il dubbio, documentandoci. Ad esempio, valutando che: la prima sentenza ritenne impossibile che Pelosi avesse fatto tutto da solo; il corpo di Pasolini era martoriato e pieno di sangue ma Pelosi ne aveva solo poche macchiette sulla camicia; nella macchina sono stati ritrovati oggetti che non appartenevano né a Pelosi, né a Pasolini; per passare inavvertitamente sul corpo fu necessario fare una manovra complicatissima (Pelosi non aveva la patente) nella quale si spaccò un palo, ma la macchina di Pasolini era intatta; il terreno era pieno di buche, con copiose tracce di olio (come il corpo di Pasolini), ma anche la coppa dell’olio era intatta; le analisi sul corpo mostrarono che evidentemente gli erano passati addosso apposta più volte; Pasolini stava scrivendo Petrolio in cui denuncia la P2 sei anni prima che venissero scoperte le liste di Gelli, e in in cui descrive la bomba alla stazione di Bologna 5 anni prima dell’effettivo attentato; Sergio Citti fu avvicinato pochi giorni prima da membri della Banda della Magliana per trattare la restituzione delle bobine di Salò; Pelosi ritrattò dopo 30 anni la confessione dicendo che era stato minacciato; numerosi testimoni parlarono di almeno 5 persone che massacravano il poeta; avvocati e consulenti psichiatrici dietro la versione ufficiale erano legati all’estrema destra e alla Banda della Magliana. La lista potrebbe continuare ancora per molto, come nelle 250 pagine del libro. Dettagli, eh. Pasolini non era certo un intellettuale scomodo che aveva dichiarato di sapere chi aveva messo le bombe nelle piazze e stava scrivendo un dossier sui legami tra politica, industria e criminalità legata all’estrema destra. Era solo “uno che se l’è cercata”. La verità.

– Adriano Ercolani

Categorie
News

“5 è il numero perfetto”. Un film attesissimo al dettaglio che si spinge ‘oltre’ la storia e riserva tante gradite sorprese.

Peppino Lo Cicero è un sicario di seconda classe della camorra in pensione, costretto a tornare in azione dopo l’omicidio di suo figlio. Questo avvenimento tragico innesca una serie di azioni e reazioni violente ma è anche la scintilla per cominciare una nuova vita.

Gli appassionati di graphic novel di qualità non hanno bisogno di particolari presentazioni di Igort, maestro riconosciuto a livello internazionale.

Coloro che non frequentano questa forma d’arte hanno ora la possibilità di conoscerlo e forse potranno apprezzarne le qualità di regista con quella libertà di valutazione che ci si può consentire quando, nel passaggio da una forma di espressione ad un’altra, non si conosce il modello. Perché questo film nasce dal volume omonimo pubblicato nel 2002. Chi lo ha concepito sulla carta ora lo ha diretto per il grande schermo.

In questi casi il lavoro del casting è più che mai fondamentale perché i personaggi hanno già ricevuto una caratterizzazione sulla pagina che ha lasciato un’impronta ben precisa nell’immaginario di chi ha letto e apprezzato. Sia per loro che per chi giunge iconicamente vergine dinanzi a questa storia va detto che tutti i personaggi hanno trovato l’attore giusto che ha offerto loro carne, sangue e voce. A partire da Toni Servillo che aderisce con grande partecipazione alle azioni e ai pensieri di un uomo che vede la propria attività di killer come un lavoro faticoso che ha una propria (distorta) morale.

Lui, Buccirosso, Golino e tutti gli altri fino ai ruoli minori sanno offrire caratterizzazioni da cinema anni ’70 innervate da uno sguardo, quello di Igort, che sa come andare ‘oltre’ la storia riuscendo a far diventare protagonisti gli spazi e gli edifici in ogni inquadratura.

IGORT APPRODA AL CINEMA CON UN TONI SERVILLO VERSIONE KILLER IN IMPERMEABILE.

Ci ha messo 13 anni e 10 stesure per adattare su grande schermo il suo graphic novel, Igor Tuveri. Il film 5 è il numero perfetto, previsto in uscita per i primi di settembre, è ambientato negli anni Settanta in una Napoli notturna e nebulosa, deserta, volutamente lontana da quella “livida e frontale alla Gomorra“, racconta il regista al Comicon. “La mia idea era di grande stilizzazione: anche le sparatorie del film sono coreografate”. 

Protagonista è Peppino Lo Cicero, interpretato da Toni Servillo, questa volta nei panni di un guappo in pensione costretto dagli eventi a tornare in azione con tanto di impermeabile “che fa il verso direttamente a Bogart di Casablanca”.

C’è da scegliere l’arma giusta, così Peppino si reca dal Gobbo – new entry non presente nel graphic novel – un personaggio apparentemente miserabile capace però di trovargli in poco tempo la pistola perfetta per farlo tornare in pista.

Il regista descrive i suoi protagonisti, dopo aver poco elegantemente sintetizzato la storia così: “Due cavalli che galoppano. La trama non mi interessa affatto”. I due ‘cavalli’ in questione sarebbero in sostanza Peppino Lo Cicero e Toto Macellaro: “Due gangster di periferia, due gregari, due killer del ca**o che andavano a uccidere, ma non sono mai stati e mai saranno due capi. Ecco, questo loro non farcela fa molto Europa, loro non sanno se ce la faranno. Ce n’è uno, Peppino Lo Cicero, che cerca vendetta perché gli hanno ammazzato il figlio, e l’altro che lo deve affiancare perché è il suo vecchio compare di missioni per la Camorra e si ritrova in mezzo”. 

– Giancarlo Zappoli

Categorie
En Productions

The Ploy

Director

David Grieco

Author

Guido Bulla, David Grieco

Release Date

24 March 2016

Genre

Drama, Crime

Production

Propaganda Italia,
Montfluor Films, To Be Continued [fr]

Distribution

Italy: Microcinema
Abroad: Rai Com

Logline

In the summer of 1975 Pier Paolo Pasolini’s film, Salò or the 120 days of Sodom, is stolen from the lab where he is editing it. This is just the first step of an intricate plan that will bring the great poet to his violent death.

 

Cast

Massimo Ranieri, Libero De Rienzo, Matteo Taranto, François-Xavier Demaison, Milena Vukotic, Roberto Citran, Alessandro Sardelli, Paolo Bonacelli

 

Creative Team

Pink Floyd’s Atom Heart Mother Suite (Music)

Fabio Zamarion (Cinematography)

Francesco Bilotti (Editing)

Carmelo Agate (Production Design)

Nicoletta Taranta (Costume Design)

Festival & Awards

Moscow International Film Festival 2016 | Competition
Nomination Golden St. George – David Grieco

L’Isola del Cinema Award 2016 | Opere Prime e Seconde
Best Actor in a Supporting Role Award – Libero de Rienzo

Globo d’Oro Award 2016
Nomination Best Actor – Libero de Rienzo 
Nomination Best Screenplay – David Grieco and Guido Bulla

Silver Ribbons Awards 2016
Nomination Best Actress in a Supporting Role – Milena Vukotic
​Nomination Best Cinematography – Fabio Zamarion

Magna Grecia Film Festival 2016 | Competition
Best Screenplay Award – Guido Bulla and David Grieco

Annecy Italian Cinema Festival 2016 | Compétition
Prix d’Interpretation Masculine – Massimo Ranieri

Russia-Italia Film Festival 2016 | Panorama
Grand Prix du Jury

Recontres du Cinéma Italien à Toulouse 2016 | Compétition
Prix du Jury Etudiants

Porretta Terme Cinema Festival 2016 | Fuori dal Giro
Giovani Acqua Cerelia Award

Á la Découverte du Nouveau Cinéma d’ Auteur Italien 2017 | Panorama

Festival du Cinéma Italien Contemporain 2017 | Panorama

Festival du Cinéma Italien de Bastia | Compétition
Nomination Grand Jury Prize – David Grieco

Italian Film Festival in Scotland 2017 | Panorama

Festival du Cinema Contemporain Italien de Tours 2017 | Compétition
Prix Ville de Tours

La Pellicola d’Oro Award 2017
Best Costume Atelier Award

Shanghai International Film Festival 2017 | Cinema World

Charlot Award 2017
Best Director Award – David Grieco

Belgrade Italian Cinema Festival 2017 | Panorama

Festival du Cinéma Italien de Montélimar 2019 | Panorama

Categorie
En Productions

5 is the perfect number

Director

Igort (Igor Tuveri)

Author

Igort (Igor Tuveri)

Release Date

29 August 2019

Genre

Drama, Crime

Production

Propaganda Italia, Jean Vigo Italia con Rai Cinema,
Potemkino [be], Mact Productions [fr], Citè Films [fr], Nour Films [fr]

Distribution

Italia: 01 Distribution
Estero: Playtime

Logline

Peppino, a retired hitman for the Camorra, has now fully passed on his job and know-how to his single son, Nino. But when Nino is brutally assassinated, the old man is back in business to take revenge. Aside his everlasting love Rita and his longtime henchman Toto, Peppino will go to any lengths, even if it means bringing the Camorra down.

 

Cast

Toni Servillo, Valeria Golino, Carlo Buccirosso, Lorenzo Lancellotti, Vincenzo Nemolato

 

Creative Team

Nicolaj Brüel (Cinematography)

Esmeralda Calabria e Walter Fasano (Editing)

D-Ross & Startuffo (Music)

Nello Giorgetti (Production Design)

Nicoletta Taranta (Costume Design)

Daniele Maraniello (Sound Recording)

Giuseppe Squillaci (VFX Supervisor)

 

Festival & Awards

76th Venice International Film Festival | Venice Days Competition
Francesco Pasinetti” Award Best Actress – Valeria Golino

FICE – Federazione Italiana Cinema d’Essai 2019
Best first-time Director Award – Igor “Igort” Tuveri

Cinéalma – L’âme de la méditerranée 2019 | Panorama

Sitges Festival International de Cinema Fantastic de Catalunya 2019 | Clausura – Fuera de Competición

Busan International Film Festival 2019 | Flash Forward Competition

Pingyao International Film Festival 2019 | Nocturne

Flanders International Film Festival Gent 2019 | Global Cinema

NICE New Italian Cinema Events Festival 2019 | Competition
N.I.C.E. Award City of Florence

Madrid Italian Film Festival 2019 | Largometrajes

Ajaccio Italian Film Festival 2019 | Compétition
Mention Spéciale des Etudiantes de l’Università di Corsica
Mention Spéciale des Mediateques du Pumonte

Cinema Italian Style Los Angeles 2019 | Panorama

Festival Cinéma Méditerranéen de Bruxelles 2019 | Panorama

21st Cinearti International Award La Chioma di Berenice 2019
Best Director Award – Igor “Igort” Tuveri
Best Producer Award – Marina Marzotto
Best Production Design Award – Nello Giorgetti
Best Music Award – D-Ross & Startuffo
Best Costume Design Award – Nicoletta Taranta
Best Hairstyling Award – Alberta Giuliani
Best Editing Award – Esmeralda Calabria e Walter Fasano

International Film Festival of Kerala 2019, India | World Cinema

Capri Hollywood Award 2019 | Panorama
Capri Art Award – Igor “Igort” Tuveri

2nd Edition Umberto Lenzi Award 2020
Best first-time Director Award – Igor “Igort” Tuveri

Italian Film Festival Festival London – Cinema Made in Italy 2020 | Panorama

Brussels International Film Festival of Fantastic 2020 | Out of Competition
Best Actor in a Leading Role Award – Toni Servillo

David di Donatello 2020
Best Actress in a Supporting Role Award – Valeria Golino
Nomination Best Actor in a Leading Role – Toni Servillo
Nomination Best Actor in a Supporting Role – Carlo Buccirosso
Nomination Best Costume Design – Nicoletta Taranta
Nomination Best first-time Director – Igor “Igort” Tuveri
Nomination Best Production Design – Nello Giorgetti
Nomination Best Sound – Daniele Maraniello (Sound Recording), Max Gobiet (Boom
Operator), Giuseppe D’Amato (Sound Editor), Francesco Albertelli (Sound Effects
Editor), Marcos Molina Jaime (Mix)
Nomination Best Make-Up – Andreina Becagli, Chiara Bartoli (prosthetic)
Nomination Best Visual Effects – Giuseppe Squillaci (Film VFX Supervisor), Ivan
Cappiello (VFX/Animations Supervisor), Jan Hameeuw (VFX Supervisor)

Golden Ciak Awards 2020
Best Poster Award
Nomination Best first-time Director – Igor “Igort” Tuveri
Nomination Best Actress – Valeria Golino

La Pellicola d’Oro Award 2020
Best Cinema Gaffer Award – Alessio Bramucci
Best Camera Operator Award – Emiliano Leurini
Nomination Best Actor in a Leading Role – Toni Servillo
Nomination Best Line Producer – Gabriele Pacitto
Nomination Best Weapon Master – Vincenzo Fasciato
Nomination Best Storyboard Artist – Cristiano Donzelli
Nomination Best Key Grip – Massimo Rinella

Silver Ribbons Awards 2020
Best Actress in a Supporting Role Award – Valeria Golino
Nomination Best first-time Director – Igor “Igort” Tuveri
Nomination Best Actor in a Supporting Role – Carlo Buccirosso
Nomination Best Costume Design – Nicoletta Taranta

Bifest – Bari International Film & 2020 | Competition
Gabriele Ferzetti Award Best Actor in a Leading Role – Toni Servillo

Sardegna oltre il mare 2020
Navicella Sardegna Award – Igor “Igort” Tuveri

77th Venice International Film Festival | Kineo Diamanti del Cinema Italiano Award
Nomination Best First Feature
Nomination Best Actor in a Supporting Role – Carlo Buccirosso

Istanbul International Film Festival 2020 | Best of the Fests

Afic – Premio Cinema Giovane e Festival delle Opere Prime 2020 | Panorama
Best Director Award – Igor “Igort” Tuveri
Best Production Design Award – Nello Giorgetti
Best Make-Up Award – Andreina Becagli, Chiara Bartoli (prosthetic)

Festival de Cinema Italiano no Brasil 2020

Festa do Cinema Italiano 8 ½ Brasile 2021 | Panorama

Journées du Cinéma Italien de Nice 2021 | Compétition

Categorie
It Produzioni

La macchinazione

Regista

David Grieco

Autore

Guido Bulla, David Grieco

Data di Uscita

24 Marzo 2016

Genere

Drama, Crime

Produzione

Propaganda Italia,
Montfluor Films, To Be Continued [fr]

Distribuzione

Italia: Microcinema
Estero: Rai Com

Logline

Nell’estate del 1975, Pier Paolo Pasolini è impegnato al montaggio di uno dei suoi film più discussi, Salò o le 120 giornate di Sodoma, e nella stesura del romanzo “Petrolio”, un atto di accusa contro il potere politico ed economico dell’epoca che Pasolini già esterna da tempo sulle pagine del Corriere della Sera. Intanto, da mesi, ha una relazione con Pino Pelosi, un giovane sottoproletario romano che ha legami con il mondo criminale della capitale. Una notte, alcuni amici di Pelosi rubano il negativo di Salò e chiedono un riscatto esorbitante. Il loro vero obiettivo non sono i soldi, ma uccidere Pasolini.

 

Cast

Massimo Ranieri, Libero De Rienzo, Matteo Taranto, François-Xavier Demaison, Milena Vukotic, Roberto Citran, Alessandro Sardelli, Paolo Bonacelli

 

Team Creativo

Pink Floyd’s Atom Heart Mother Suite (Musiche)

Fabio Zamarion (Direttore della Fotografia)

Francesco Bilotti (Montaggio)

Carmelo Agate  (Scenografia)

Nicoletta Taranta (Costumi)

 

Festival & Awards

Moscow International Film Festival 2016 | Competition
Nomination Golden St. George – David Grieco

L’Isola del Cinema 2016 | Opere Prime e Seconde
Premio Miglior Attore non Protagonista – Libero de Rienzo

Globo d’Oro 2016
Nomination Miglior Attore – Libero de Rienzo 
Nomination Miglior Sceneggiatura – David Grieco e Guido Bulla

Nastri d’Argento 2016
Nomination Miglior Attrice Non Protagonista – Milena Vukotic
​Nomination Migliore Fotografia – Fabio Zamarion

Magna Grecia Film Festival 2016 | Concorso
Premio Migliore Sceneggiatura – Guido Bulla e David Grieco

Annecy Italian Cinema Festival 2016 | Concorso
Prix d’Interpretation Masculine – Massimo Ranieri

Russia-Italia Film Festival 2016 | Panorama
Grand Prix du Jury

Recontres du Cinéma Italien à Toulouse 2016 | Compétition
Prix du Jury Etudiants

Festival del Cinema di Porretta Terme 2016 | Fuori dal Giro
Premio Giovani Acqua Cerelia

Á la Découverte du Nouveau Cinéma d’Auteur Italien 2017 | Panorama

Festival du Cinéma Italien Contemporain 2017 | Panorama

Festival du Cinéma Italien de Bastia | Compétition
Nomination Grand Jury Prize – David Grieco

Italian Film Festival in Scotland 2017 | Panorama

Festival du Cinema Contemporain Italien de Tours 2017 | Compétition
Prix Ville de Tours

Premio La Pellicola d’Oro 2017
Premio Miglior Sartoria Cine-Teatrale

Shanghai International Film Festival 2017 | Cinema World

Premio Charlot 2017
Premio Miglior Regia – David Grieco

Festival del Cinema Italiano di Belgrado 2017 | Panorama

Festival du Cinéma Italien de Montélimar 2019 | Panorama

Categorie
En Productions

Oblique 616

Director

Lyda Patitucci

Author

Milo Tissone, Federica Pontremoli, Marcus Fleming

Year of Production

2022

Genre   

Sci-Fi, Drama

Production

Propaganda Italia, GapBusters [be], Fantastic Films [ei]

Status

In Development

Logline

It’s the third decade of the 21st century and Nobel Prize for Medicine Olivia Levi discovers the existence of the Obliques, a minority of the population born with a genetic conformation which changes their natural anthroposphere. The mere presence of an Oblique damages any other human being just like a radioactive element. People are terrified by this discovery. The Obliques are finally segregated in reservations, kept under control and placed far from cities and inhabited lands. Made to produce silk, which shields their radiations. But are the Obliques the origin of all evil or are they part of a new natural balance?

 

Cast

To Be Defined

 

Creative Team

Manuel Dacosse (Cinematography)

Tony Kearns (Editing)

Federico Costantini (Production Design)

Nicoletta Taranta (Costume Design)

Categorie
It Produzioni

5 è il numero perfetto

Regista

Igort (Igor Tuveri)

Autore

Igort (Igor Tuveri)

Data di Uscita

29 Agosto 2019

Genere

Drama, Crime

Produzione

Propaganda Italia, Jean Vigo Italia con Rai Cinema,
Potemkino [be], Mact Productions [fr], Citè Films [fr], Nour Films [fr]

Distribuzione

Italia: 01 Distribution
Estero: Playtime

Logline

Peppino Lo Cicero, guappo e sicario in pensione, torna in pista dopo l’omicidio di suo figlio. Questo avvenimento tragico innesca una serie di azioni e reazioni violente, scintilla per cominciare una nuova vita. Un piccolo affresco napoletano nell’Italia anni Settanta. 5 è il numero perfetto è una storia di amicizia, vendetta e tradimento, e in fondo, di una seconda opportunità e di una rinascita.

 

Cast

Toni Servillo, Valeria Golino, Carlo Buccirosso, Lorenzo Lancellotti, Vincenzo Nemolato

 

Team Creativo

Nicolaj Brüel (Direttore della Fotografia)

Esmeralda Calabria e Walter Fasano (Montaggio)

D-Ross & Startuffo (Musiche)

Nello Giorgetti (Scenografia)

Nicoletta Taranta (Costumi)

Daniele Maraniello (Suono di presa diretta)

Giuseppe Squillaci (Supervisione VFX)

 

Festival & Awards

76^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia | Giornate degli Autori Concorso
Premio “Francesco Pasinetti” Miglior Attrice – Valeria Golino

FICE – Federazione Italiana Cinema d’Essai 2019
Premio Miglior Film d’Esordio – Igor “Igort” Tuveri

Cinéalma – L’âme de la méditerranée 2019 | Panorama

Sitges Festival International de Cinema Fantastic de Catalunya 2019 | Clausura – Fuera de Competición

Busan International Film Festival 2019 | Flash Forward Competition

Pingyao International Film Festival 2019 | Nocturne

Flanders International Film Festival Gent 2019 | Global Cinema

NICE New Italian Cinema Events Festival 2019 | Concorso
Premio N.I.C.E. Città di Firenze

Festival del Cinema Italiano di Madrid 2019 | Largometrajes

Ajaccio Italian Film Festival 2019 | Compétition
Mention Spéciale des Etudiantes de l’Università di Corsica
Mention Spéciale des Mediateques du Pumonte

Cinema Italian Style Los Angeles 2019 | Panorama

Festival Cinéma Méditerranéen de Bruxelles 2019 | Panorama

21° Premio Internazionale Cinearti La Chioma di Berenice 2019
Premio Miglior Regista – Igor “Igort” Tuveri
Premio Miglior Produttore – Marina Marzotto
Premio Miglior Scenografia – Nello Giorgetti
Premio Miglior Colonna Sonora – D-Ross & Startuffo
Premio Migliori Costumi – Nicoletta Taranta
Premio Miglior Acconciatura – Alberta Giuliani
Premio Miglior Montaggio – Esmeralda Calabria e Walter Fasano

International Film Festival of Kerala 2019, India | World Cinema

Capri Hollywood Award 2019 | Panorama
Capri Art Award – Igor “Igort” Tuveri

2^ Edizione Premio Umberto Lenzi 2020
Premio Miglior Regista Esordiente – Igor “Igort” Tuveri

Italian Film Festival Festival London – Cinema Made in Italy 2020 | Panorama

Brussels International Film Festival of Fantastic 2020 | Out of Competition
Premio Miglior Attore Protagonista – Toni Servillo

David di Donatello 2020
Premio Miglior Attrice Non Protagonista – Valeria Golino
Nomination Miglior Attore Protagonista – Toni Servillo
Nomination Miglior Attore Non Protagonista – Carlo Buccirosso
Nomination Miglior Costumista – Nicoletta Taranta
Nomination Miglior Regista esordiente – Igor “Igort” Tuveri
Nomination Miglior Scenografia – Nello Giorgetti
Nomination Miglior Suono – Daniele Maraniello (Presa diretta), Max Gobiet
(Microfonista), Giuseppe D’Amato (Montaggio), Francesco Albertelli (Creazione
Suoni), Marcos Molina Jaime (Mix)
Nomination Miglior Trucco – Andreina Becagli, Chiara Bartoli (prostetico)
Nomination Migliori Effetti Visivi VFX – Giuseppe Squillaci (Film VFX Supervisor), Ivan
Cappiello (VFX/Animations Supervisor), Jan Hameeuw (VFX Supervisor)

Ciak d’Oro 2020
Premio per la Migliore Locandina
Nomination Miglior Film diretto da un esordiente – Igor “Igort” Tuveri
Nomination Miglior Attrice Protagonista – Valeria Golino

Premio La Pellicola d’Oro 2020
Premio Miglior Capo Elettricista Cinema – Alessio Bramucci
Premio Miglior Operatore di Macchina – Emiliano Leurini
Nomination Miglior Attore Protagonista – Toni Servillo
Nomination Miglior Direttore di Produzione – Gabriele Pacitto
Nomination Miglior Maestro d’Armi – Vincenzo Fasciato
Nomination Miglior Storyboard Artist – Cristiano Donzelli
Nomination Miglior Capo Macchinista – Massimo Rinella

Nastri d’Argento 2020
Premio Miglior Attrice non Protagonista – Valeria Golino
Nomination Miglior Regista Esordiente – Igor “Igort” Tuveri
Nomination Miglior Attore non Protagonista – Carlo Buccirosso
Nomination Migliori Costumi – Nicoletta Taranta

Bifest – Bari International Film & 2020 | Concorso
Premio Gabriele Ferzetti Miglior Attore Protagonista – Toni Servillo

Sardegna oltre il mare 2020
Premio Navicella Sardegna – Igor “Igort” Tuveri

77^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia | Premio Kineo Diamanti del Cinema Italiano
Nomination Miglior Opera Prima
Nomination Miglior Attore Non Protagonista – Carlo Buccirosso

Istanbul International Film Festival 2020 | Best of the Fests

Afic – Premio Cinema Giovane e Festival delle Opere Prime 2020 | Panorama
Premio Miglior Regia – Igor “Igort” Tuveri
Premio Miglior Scenografia – Nello Giorgetti
Premio Miglior Trucco – Andreina Becagli, Chiara Bartoli (prostetico)

Festival de Cinema Italiano no Brasil 2020

Festa do Cinema Italiano 8 ½ Brasile 2021 | Panorama

Journées du Cinéma Italien de Nice 2021 | Compétition

Categorie
En Productions

Woken

 

Director

Alan Friel   

Author

Alan Friel

Year of Production

2022

Genre

Psychological Thriller

Production

Fantastic Films [ei], Propaganda Italia

Status

Pre-Production

Logline

Anna wakes pregnant and unable to remember her loving husband James, or Helen and her husband Peter who help nurse her back to health on a remote island. She soon discovers that they are all on the island to escape a powerful infection that has decimated the mainland population. Now, unsure about everything she’s being told, she searches the island and uncovers a terrible reality. To save herself and her unborn child she must form an uncomfortable bond with one of her captors to escape the island. A timely film that asks the big existential question of whether man could replace God after destroying humanity by over meddling with nature.

 

Cast

Erin Kellyman, Maxine Peake

 

Creative Team

Robbie Ryan (Cinematography)

Tony Kearns (Editing)

Categorie
En Productions

Monica

Director

Andrea Pallaoro  

Author

Andrea Palloro, Orlando Tirado

Year of Production

2021

Genre

Drama

Production

Monica-The Movie LLC [us], Propaganda Italia, Rai Cinema, Fenix Entertainment, Alacran Pictures [us]

Status

Post-Production

 

Logline

Second film of a Trilogy dedicated to women, Monica is the intimate portrait of a woman who returns home to the Midwest for the first time in 20 years to take care of her dying mother.  Exploring the universal themes of abandonment, aging, rejection, acceptance and forgiveness, we are led into Monica’s world and state of mind, the pain and fear, needs and desires of a woman whose journey ultimately illuminates the human condition.

 

Cast

Trace Lysette, Patricia Clarkson, Adriana Barraza, Emily Browning, Joshua Close

 

Creative Team

Katelin Arizmendi (Cinematography)

Paola Freddi (Editing)

Andrew Clark (Production Design)

Patrik Milani (Costume Design)